Corso di alfabetizzazione informatica e giuridica per stranieri

Iscrizioni aperte per il 1° corso di alfabetizzazione informatica e giuridica per i cittadini stranieri di Treviso e provincia realizzato da Informatici Senza Frontiere grazie al prezioso supporto della Chiesa Valdese www.ottopermillevaldese.org.

Il corso, del tutto gratuito, si terrà presso la sala di informatica e l’aula magna del Dipartimento di Prevenzione de La Madonnina in via Castellana 2, gentilmente messe a disposizione dall’Ulls 9, e prenderà il via il giorno 21 gennaio.

Lungo un percorso di 17 lezioni di informatica e 2 di diritto per l’immigrazione, i cittadini stranieri potranno apprendere gli elementi di base per utilizzare il computer e Internet per vivere in Italia, cercare lavoro, stare in salute, conoscere i principali istituti della normativa sull’immigrazione e la condizione dello straniero.

Al centro del percorso formativo sarà infatti una vera e propria alfabetizzazione informatica per rendere più semplici le procedure informatiche collegate al rilascio dei visti di ingresso, al rilascio, rinnovo e conversione dei permessi di soggiorno, all’accordo di integrazione, al test di lingua italiana, alla programmazione dei flussi di ingresso, ricongiungimento familiare, cittadinanza, nonché tutte le pratiche relative al proprio stato di salute.

Tra le tematiche affrontate dal corso ci sarà la creazione e modifica un documento di testo, la sua archiviazione e trasformazione in pdf (anche un curriculum), la navigazione in Internet per consultare i portali online delle Pubbliche Amministrazioni, la creazione e gestione di una casella di posta elettronica anche certificata e l’uso intelligente dei social con intelligenza.

Due i percorsi proposti in contemporanea: il martedì dalle 17.15 alle 18.45 ed il sabato dalle  9.00 alle 10.30, oppure il martedì dalle 19 alle 20.30 ed il sabato dalle 10.45 alle 12.15. Per ognuna delle due proposte sono disponibili al massimo 15 posti.

È richiesta la conoscenza base della lingua italiana a tutti i partecipanti.

Per iscriversi è sufficiente inviare il modulo allegato debitamente compilato al fax 0422.1833069 oppure via mail a info@informaticisenzafrontiere.org.

Chi si iscrive si impegna a partecipare. Per chi frequenterà almeno il 70% delle lezioni potrà ottenere un diploma di partecipazione.

Il modulo di iscrizione è disponibile qui
https://drive.google.com/file/d/0BwjiA53FJXoQZUswRlQydHdtREE/view?usp=sharing

 

 

Crowdfunding per Strillone al via su DeRev

Al via su DeRev, la piattaforma di Wind per progetti di valore sociale, la 1^ campagna di crowdfunding per Strillone.

Strillone è un’applicazione gratuita di Informatici Senza Frontiere ONLUS che funziona su smartphone, tablet e PC ed offre un sistema semplice, minimale e veloce per consentire a persone con disabilità visive di leggere i quotidiani ascoltando la sintesi vocale, per mezzo di notizie “on demand”.

L’abbiamo creata a nostre spese e resa disponibile per tutti gratuitamente, ma ora ha bisogno di una “spinta” per poter crescere in modo tale da consentire a non vedenti, ipovedenti e anziani, ma anche a chiunque abbia gli occhi impegnati in altre attività, di accedere a contenuti informativi di qualsiasi tipo: ludici, culturali, informativi, educativi, universitari.

Grazie al vostro aiuto potremo inserire in Strillone il maggior numero possibile di giornali, riviste, libri e testi d’ogni tipo (non coperti da Copyright), in modo da coprire la più grande quantità di interessi e far sì che Strillone possa rimanere gratuita per sempre e per chiunque.

Come potete aiutarci? È facilissimo! Basta una piccola donazione dal sito di crowdfunding di DeRev da qui e potrete aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo. Se saremo tra i primi tre a raggiungere metà del budget necessario al completamento del progetto Wind metterà la cifra rimanente per trasformare il realtà il nostro sogno.

Ma il bello è che anche voi avrete il vostro premio…

Volete darci una mano al di là del contributo?

  • Aiutateci diffondendo il progetto crowdfunding per Strillone tra amici e conoscenti sui social media
  • Condividete il vostro contributo e diventate ambasciatori della campagna “Strillone”.

Volete saperne di più?

Strillone, milioni di testi in una app per persone con disabilità visive

Festival Informatica Sociale a Treviso, 3 e 4 ottobre 2015

Il conto alla rovescia è iniziato per il 1° Festival dell’Informatica Sociale, organizzato da Informatici Senza Frontiere in collaborazione con l’I.S.R.A.A. di Treviso, che avrà luogo il 3 e 4 ottobre prossimi presso gli spazi di Borgo Mazzini dell’ex Umberto I.

Tanti gli ospiti che parteciperanno ai tre convegni “L’informatica per gli anziani e per le disabilità”, “L’informatica per il nostro futuro” e “L’Africa che innova”: da Riccardo Luna a Norberto Patrignani, dal dott. Carlo Gabelli al dott. Oscar Zanutto, da Andrea Zanni a Silvia Pochettino, al dott. Fabio Manenti e Issiaka Zougba.

Il Festival, però, sarà anche un momento di apertura al pubblico e alla città attraverso mostre, laboratori di informatica per tutte le età, uno spettacolo teatrale contro il cyberbullismo dedicato ai ragazzi ed una mostra fotografica che ripercorre 10 anni di lavoro di Informatici Senza frontiere nel mondo.

Proprio a questi 10 anni si deve infatti il festival: un evento gratuito e fruibile da tutti per festeggiare la nostra attività non con brindisi e convenevoli, ma lavorando assieme a tutti per un’informatica a servizio della società, in Italia e nel mondo.

Il programma dettagliato ed i form online per iscriversi agli eventi, oltre all’elenco degli hotel convenzionati sono disponibili sul sito web www.festivalinformaticasociale.org

ISF all’inaugurazione del centro profughi a Milano

Oggi è un giorno importante per Milano e per ISF.

In venti mesi sono transitati da Milano, in particolare dalla Stazione Centrale, più di 70.000 profughi, di cui 15.000 bambini. Una situazione di emergenza a cui il Comune di Milano ha cercato di dare una risposta con i propri mezzi e con la collaborazione degli attori terzo settore e della cittadinanza.

Nella giornata di oggi è stato inaugurato, alla presenza del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia e degli assessori Piefrancesco Majorino e Marco Granelli, il Dopolavoro ferroviario, uno spazio messo a disposizione da Ferrovie dello Stato e riqualificato da Progetto Arca, Genio militare e Protezione Civile, volto ad ospitare di giorno i profughi in transito a Milano e ad offrire loro servizi di prima necessità (igiene personale, ristoro, presidio medico, spazio gioco per i bambini).

Informatici Senza Frontiere ha allestito in brevissimo tempo con i propri volontari 5 postazioni internet (che presto saranno 10) per permettere ai profughi di comunicare (via skype, e-mail, social network) con la loro terra d’origine. Una dimostrazione di come anche l’informatica possa restituire la dignità alle persone e abbattere le distanze. E siamo onorati del ringraziamento speciale che il Sindaco ci ha voluto rivolgere durante la conferenza stampa.