Home > Progetti > Una Casa per Amico

Finanziamento: Regione del Veneto con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, contributi per il sostegno a O.d.V. e A.P.S.
Luogo: Regione del Veneto, provincia di Treviso
Durata: settembre 2021 – agosto 2022
Ruolo di ISF: capofila in partenariato con Auser Provinciale di Treviso ed in collaborazione con Comune di Treviso, Associazione Movimenti APS, Auser Cooperativa Sociale Solidarietà onlus, Auser Insieme per Crescere Odv Onlus, Auser Polaris APS

Domotica e competenze digitali contro l’isolamento delle persone fragili

Il progetto mira ad assicurare il benessere e la salute per tutti attraverso il contrasto delle condizioni di fragilità e di svantaggio sia della persona anziana che vive da sola, sia della persona adulta con disabilità che vive un’esperienza di autonomia abitativa, mediante una ricognizione del bisogno reale e la predisposizione di una risposta strutturata in sinergia con le reti territoriali già attive e con l’uso della domotica abitativa intelligente.

Parte dall’idea della casa come luogo per eccellenza in cui la persona anziana o adulta con disabilità desidera rimanere per sentirsi ancora indipendente e dare un senso alla propria vita e dalle innegabili difficoltà che questo comune sentire genera per familiari, operatori socio-sanitari e caregiver.

Constatata la grande disponibilità di tecnologie e strumenti di uso domestico presenti sul mercato a costi contenuti, ma anche la grande difficoltà a renderla realmente fruibile per ottenere informazioni efficaci e tempestive, Una Casa per Amico si concentra sulla possibilità di selezionare e integrare diversi componenti e servizi con anche l’ausilio di un software sviluppato da ISF APS e personalizzato per ogni singola realtà abitativa.

Allestisce con Auser APS 10 appartamenti pilota in contesti diversi per livello di fragilità e necessità di monitoraggio, forma operatori sanitari, caregivers e familiari ad utilizzare le informazioni che possono evidenziare punti di attenzione come un elevato numero di alzate notturne o variazioni di temperatura ambientale inconsuete.

Forma gli stessi utenti a convivere con la domotica impiegata per vivere con maggiore sicurezza e per sfruttare al massimo le possibilità di comunicazione con amici e parenti che la tecnologia mette loro a disposizione.

Elabora, infine, le informazioni raccolte in modo anonimo per trarne dati importanti sull’utilizzo e sulle difficoltà emerse.