Home > Eventi > ISF all’inaugurazione del centro profughi a Milano

Oggi è un giorno importante per Milano e per ISF.

In venti mesi sono transitati da Milano, in particolare dalla Stazione Centrale, più di 70.000 profughi, di cui 15.000 bambini. Una situazione di emergenza a cui il Comune di Milano ha cercato di dare una risposta con i propri mezzi e con la collaborazione degli attori terzo settore e della cittadinanza.

Nella giornata di oggi è stato inaugurato, alla presenza del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia e degli assessori Piefrancesco Majorino e Marco Granelli, il Dopolavoro ferroviario, uno spazio messo a disposizione da Ferrovie dello Stato e riqualificato da Progetto Arca, Genio militare e Protezione Civile, volto ad ospitare di giorno i profughi in transito a Milano e ad offrire loro servizi di prima necessità (igiene personale, ristoro, presidio medico, spazio gioco per i bambini).

Informatici Senza Frontiere ha allestito in brevissimo tempo con i propri volontari 5 postazioni internet (che presto saranno 10) per permettere ai profughi di comunicare (via skype, e-mail, social network) con la loro terra d’origine. Una dimostrazione di come anche l’informatica possa restituire la dignità alle persone e abbattere le distanze. E siamo onorati del ringraziamento speciale che il Sindaco ci ha voluto rivolgere durante la conferenza stampa.